Le bevande alcoliche influiscono sulla chetosi?

No martini glass raster icon. Flat No martini glass symbol is isolated on a white background.
Pubblicato
Etichettato come Incontriamo l’esperto, Senza categoria

In questo articolo desideriamo rispondere ai tanti che, soprattutto sui social, ci chiedono se è possibile bere un bicchiere di vino o un cocktail durante il percorso con il metodo Kalibra.

La risposta dei nostri esperti in nutrizione è che l’assunzione di bevande alcoliche interrompe, anche se solo temporaneamente, il processo di chetosi che invece deve essere mantenuto costante per riuscire a continuare a perdere peso.

Vediamo come e perchè.

L’etanolo contenuto nell’alcol, vino, birra o cocktail, se ingerito viene considerato dal metabolismo come prioritario.

Infatti gli enzimi contenuti nell’alcol, l’alcol deidrogenasi e l’aldeide deidrogenasi, scompongono l’alcol stesso in piccoli pezzi tossici e difficili da metabolizzare per il nostro fegato. Quando si assumono bevande alcoliche e durante il processo di metabolizzazione il nostro fegato dà priorità proprio a queste sostanze, facendo rallentare la produzione di chetoni e di conseguenza la trasformazione dei grassi in energia per il corpo.

Ma quali sono le bevande più dannose in un percorso di chetosi?

Il contenuto di alcol presente in una bevanda aumenta inevitabilmente le calorie della stessa. In particolare 1 gr di alcol equivale a circa 7 kcal  (quasi il doppio dello zucchero).

Alcuni esempi.

Due bicchieri di Mojito corrispondono a circa 320 kcal, le stesse di 90g di pasta, ma di scarso valore nutrizionale, perché gli zuccheri semplici fanno innalzare la glicemia e favoriscono il deposito di grasso, mentre l’alcol debilita l’organismo ed ostacola la sintesi proteica.

Un bicchiere di vino rosso conta circa 125 kcal mentre scendiamo a 120 kcal se parliamo di bianco e infine a 110 kcal per una bottiglia di birra con una bassa gradazione alcolica.

E’ opportuno stare quindi alla larga dai cocktail più elaborati.

La decisione più saggia sarebbe di limitare al consumo di un solo bicchiere di alcol, preferibilmente tra quelli con meno calorie, una volta alla settimana in modo da far lavorare al meglio il nostro fegato e solo nella fase di mantenimento del Metodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *