FALSI MITI SULLA DIETA CHETOGENICA

Oggi, insieme alla Dott.ssa Adriana Carotenuto, Biologa Nutrizionista, rispondiamo ai dubbi più comuni sulla dieta chetogenica.

Dottoressa Carotenuto, nella dieta chetogenica è necessario eliminare completamente i carboidrati?

No. I carboidrati sono indispensabili per il corretto funzionamento di alcune cellule gluco-dipendenti (come i globuli rossi ed alcune aree celebrali) che non possono usare i grassi come fonte energetica. Inoltre, sono utili per produrre la giusta quantità di corpi chetonici

I carboidrati non vanno quindi eliminati, ma ridotti.

Nella dieta chetogenica la dose di carboidrati giornaliera non deve superare i 50 gr, quantità che può variare in base al peso ideale e alla composizione corporea (che viene misurata attraverso un esame bioimpedenziometrico).

La dieta chetogenica fa male perchè contiene troppe proteine?

No. La dieta chetogenica è una dieta normo-proteica in cui il processo di chetosi si attiva con una riduzione dei carboidrati e non con un aumento del quantitativo di proteine.

Nella dieta chetogenica normo-proteica, le proteine sono presenti nelle quantità raccomandate da tutte le associazioni scientifiche. Si tratta, inoltre, di proteine di origine naturale (latte, uova, soia) e ad elevato valore biologico.

Dottoressa Carotenuto, la chetosi è pericolosa?

No. La chetosi è un meccanismo fisiologico che si verifica con un’alimentazione a contenuto di carboidrati molto basso. In questa situazione, infatti, l’organismo comincia a degradare i suoi grassi di riserva, ed una parte di questi grassi si trasforma in corpi chetonici.

Quindi i corpi chetonici sono un prodotto fisiologico della combustione dei grassi. 

La chetosi non rappresenta alcun pericolo per l’organismo.

Anzi, la chetosi è auspicabile in una dieta perchè ha molteplici effetti positivi:

  • consente di eliminare il senso di appetito, attraverso un’azione diretta sul centro regolatore della fame e della sazietà, situato a livello cerebrale
  • conferisce un benefico effetto euforizzante e una sensazione di benessere generale
  • consente di “nutrire” efficacemente il tessuto cerebrale che utilizza con estrema facilità questa fonte energetica
  • riduce lo stress ossidativo (invecchiamento)
  • studi recenti dimostrano, inoltre, che la chetosi aiuta a privare le cellule cancerose del loro nutrimento dal momento che queste ultime non riescono ad utilizzare i chetoni come carburante e dipendono esclusivamente dai carboidrati per la loro crescita

Bisogna inoltre ricordare che l’uomo nel corso di milioni d’anni di evoluzione ha vissuto quasi sempre in chetosi, data la scarsa disponibilità di carboidrati, e questa condizione gli ha permesso di sopravvivere alle frequenti carestie e di evolversi.

La chetosi indotta dalla dieta chetogenica normo-proteica è fisiologica e controllata e non comporta nessun rischio.

È paragonabile a quella che si verifica anche dopo uno sforzo fisico intenso.

Una volta finita la dieta, si riprende subito il peso perso?

No. Ma è importante ricordare che la fase successiva alla dieta chetogenica è quella più delicata, perché bisogna reintrodurre la quota glucidica con molta calma e privilegiando gli alimenti a basso indice glicemico.

È necessario ricordarsi che se si perdono 3 kg in un mese con una dieta mediterranea, ad esempio, e successivamente si ricomincia ad alimentarsi secondo le vecchie abitudini, quei 3 chili in un mese verranno ripresi in fretta. Così come se si verifica una perdita di peso di 5/7kg in un mese con una dieta chetogenica, e le indicazioni successive non vengono seguite, i 5/7kg persi verranno ampiamente recuperati.

La dieta chetogenica normo-proteica è però la dieta in cui si recupera meno peso nel tempo rispetto ad altre diete.

Inoltre, è inserita in un programma globale di gestione del peso che offre al paziente gli strumenti per mantenere i risultati raggiunti con la dieta, preserva la massa magra e favorisce la produzione di collagene (che dà tono alla pelle) quindi anche il rilassamento cutaneo è inferiore a quello conseguente a qualsiasi altra dieta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *